Progetto Noemi » Notizie » Fondi Care-giver » ISTITUITO TAVOLO TECNICO REGIONALE PERMANTENTE

ISTITUITO TAVOLO TECNICO REGIONALE PERMANTENTE

11/09/2018

Caregiver e sub Intensiva,  sì al tavolo permanente

Istituito l’organismo di sostegno alle famiglie con minori affetti da disabilità gravi

 

SI' alla costituzione del tavolo tecnico regionale permanente finalizzato alle attività di terapia sub-intensiva pediatrica ad alta attività assistenziale e caregiver familiare.

Lo ha decretato il presidente vicario della Regione, Giovanni Lolli, con un atto firmato lo scorso 31 agosto.

«Abbiamo proposto l’immediata convocazione del tavolo», dice Andrea Sciarretta, papà della piccola Noemi, la bimba di Guardiagrele affetta da una rarissima malattia neuromuscolare degenerativa, «per attivare la formazione del personale medico e infermieristico per l’equipe di Pescara.

Dal Bambin Gesù, in questo senso, si sono dichiarati disponibili. Abbiamo anche chiesto il finanziamento pluriennale del caregiver, e la pubblicazione del bando 2018 con le risorse dedicate e già disponibili, pari a 200mila euro. Vista l’attuale incertezza politica», aggiunge Sciarretta, «sono interventi urgenti per non far ricadere eventuali ritardi e indisponibilità sulle famiglie, già provate dall’estenuante assistenza».

 

Il tavolo permanente, costituito in seno al dipartimento per la salute e il welfare, è composto dal direttore del dipartimento in parola, o un suo delegato, da Rosaria Di Giuseppe (responsabile dell’ufficio programmazione socio-sanitaria della Regione), Cristina Di Baldassarre (responsabile dell’ufficio integrazione sociale e disabilità), Valterio Fortunato (direttore sanitario della Asl di Pescara), Giuliano Lombardi (direttore dell’Uoc di pediatria), Anna Maria Tocco (responsabile della sub-intensiva pediatrica di Pescara), Andrea Sciarretta (presidente dell’associazione Progetto Noemi) e Antonino Ajello (pediatra dell’associazione).

Tra i compiti del tavolo, anche quello di individuare le linee di finanziamento per il sostegno alle famiglie di minori affetti da malattie rare e disabilità gravissime, oltre al monitoraggio dell’attività del reparto di terapia sub-intensiva pediatrica istituito all’ospedale di Pescara e che dispone, attualmente di due posti letto. I componenti del tavolo non percepiranno alcun compenso per le attività svolte, così come prevedono le orme vigenti in materia. L’organismo si riunirà nella sede del dipartimento salute e welfare. (u.c.)